La teologia del corpo

Catechesi del Beato Giovanni Paolo II

Udienze generali del Mercoledì, da settembre 1979 a novembre 1984


Primo ciclo: L'unità originaria dell'uomo e della donna

Catechesi sul Libro della Genesi (5/9/1979-2/4/1980)

  1. A colloquio con Cristo sui fondamenti della famiglia (5 Settembre 1979)
  2. Nel primo racconto della creazione l'oggettiva definizione dell'uomo (12 Settembre 1979)
  3. Nel secondo racconto della creazione la definizione soggettiva dell'uomo (19 Settembre 1979)
  4. Legame tra innocenza originaria e redenzione operata da Cristo (26 Settembre 1979)
  5. L'uomo alla ricerca della definizione di se stesso (10 Ottobre 1979)
  6. L'uomo dall'originaria solitudine alla consapevolezza che lo fa persona (24 Ottobre 1979)
  7. Nella definizione stessa dell'uomo l'alternativa tra morte ed immortalità (31 Ottobre 1979)
  8. L'unità originaria dell'uomo e della donna nell'umanità (7 Novembre 1979)
  9. Anche attraverso la comunione delle persone l'uomo diventa immagine di Dio (14 Novembre 1979)
  10. Valore del matrimonio uno e indissolubile alla luce dei primi capitoli della Genesi (21 Novembre 1979)
  11. I significati delle primordiali esperienze dell'uomo (12 Dicembre 1979)
  12. Pienezza personalistica dell'innocenza originale (19 Dicembre 1979)
  13. La creazione come dono fondamentale e originario (2 Gennaio 1980)
  14. La rivelazione e la scoperta del significato sponsale del corpo (9 Gennaio 1980)
  15. L'uomo-persona diventa dono nella libertà dell'amore (16 Gennaio 1980)
  16. Coscienza del significato del corpo e innocenza originaria (30 Gennaio 1980)
  17. Il dono del corpo crea un'autentica comunione (6 Febbraio 1980)
  18. L'innocenza originaria e lo stato storico dell'uomo (13 Febbraio 1980)
  19. Con "il sacramento del corpo" l'uomo si sente soggetto di santità (20 Febbraio 1980)
  20. Il significato biblico della conoscenza nella convivenza matrimoniale (5 Marzo 1980)
  21. Il mistero della donna si rivela nella maternità (12 Marzo 1980)
  22. Il ciclo della conoscenza-generazione e la prospettiva della morte (26 Marzo, 1980)
  23. Gli interrogativi sul matrimonio nella visione integrale dell'uomo (2 Aprile 1980)
inizio pagina

Secondo ciclo: La redenzione del cuore

Teologia del corpo dell'uomo decaduto e redento (16/4/1980-6/5/1981)

  1. Cristo fa appello al «cuore» dell'uomo (16 aprile 1980)
  2. Il contenuto etico e antropologico del comandamento «non commettere adulterio» (23 aprile 1980)
  3. 26 La concupiscenza è il frutto della rottura dell'alleanza con Dio (30 aprile 1980)
  4. Radicale cambiamento del significato della nudità originaria (14 maggio 1980)
  5. Il corpo, non sottomesso allo spirito minaccia l'unità dell'uomo-persona (28 maggio 1980)
  6. Significato della vergogna originale nei rapporti interpersonali uomo-donna (4 giugno 1980)
  7. Il dominio «su» l'altro nella relazione interpersonale (18 giugno 1980)
  8. La triplice concupiscenza limita il significato sponsale del corpo (25 giugno 1980)
  9. La concupiscenza del corpo deforma i rapporti uomo-donna (23 luglio 1980)
  10. Nella volontà del dono reciproco la comunione delle persone (30 luglio 1980)
  11. Il discorso della Montagna agli uomini del nostro tempo (6 agosto 1980)
  12. Il contenuto del comandamento «non commettere adulterio» (13 agosto 1980)
  13. L'adulterio secondo la legge e nel linguaggio dei profeti (20 agosto 1980)
  14. L'adulterio secondo Cristo: falsificazione del segno e rottura dell'alleanza personale (27 agosto 1980)
  15. Il significato dell'adulterio trasferito dal corpo al cuore (3 settembre1980)
  16. La concupiscenza come distacco dal significato sponsale del corpo (10 settembre1980)
  17. Il desiderio, riduzione intenzionale dell'orizzonte della mente e del cuore (17 settembre 1980)
  18. La concupiscenza allontana l'uomo e la donna dalle prospettive personali e «di comunione» (24 settembre 1980)
  19. Costruire il nuovo senso etico attraverso la riscoperta dei valori (1 ottobre 1980)
  20. Interpretazione psicologica e teologica del concetto di concupiscenza (8 ottobre 1980)
  21. Valori evangelici e doveri del cuore umano (15 ottobre 1980)
  22. Realizzazione del valore del corpo secondo il disegno del Creatore (22 ottobre 1980)
  23. La forza originaria della creazione diventi per l'uomo forza di redenzione (29 ottobre 1980)
  24. «Eros» ed «Ethos» si incontrano e fruttificano nel cuore umano (5 novembre 1980)
  25. La spontaneità è veramente umana quando è il frutto maturo della coscienza (12 novembre 1980)
  26. Cristo ci chiama a ritrovare le forze vive dell'uomo nuovo (3 dicembre 1980)
  27. Tradizione anticotestamentaria e nuovo significato di «purezza» (10 dicembre 1980)
  28. Vita secondo la carne e giustificazione in Cristo (17 dicembre 1980)
  29. La contrapposizione tra carne e spirito e la «giustificazione» nella fede (7 gennaio 1981)
  30. La vita secondo lo spirito, fondata nella vera libertà (14 gennaio 1981)
  31. Santità e rispetto del corpo nella dottrina di san Paolo (28 gennaio 1981)
  32. Descrizione paolina del corpo e dottrina sulla purezza (4 febbraio 1981)
  33. La virtù della purezza attua la vita secondo lo spirito (11 febbraio 1981)
  34. Dottrina paolina della purezza come «vita secondo lo spirito» (18 marzo 1981)
  35. La funzione positiva della purezza di cuore (1 aprile 1981)
  36. Pedagogia del corpo, ordine morale, manifestazioni affettive (8 aprile 1981)
  37. Il corpo umano «tema» dell'opera d'arte (15 aprile 1981)
  38. L'opera d'arte deve sempre osservare la regolarità del dono e del reciproco donarsi (22 aprile 1981)
  39. I limiti etici nelle opere d'arte e nella produzione audiovisiva (29 aprile 1981)
  40. Responsabilità etica dell'artista nella trattazione del tema del corpo umano (6 maggio 1981)
inizio pagina

Terzo ciclo: La risurrezione della carne

Teologia del corpo dell'uomo dell'uomo risorto, pienamente redento e ri-creato (11/11/1981-10/2/1982)

  1. Le parole del «colloquio con i sadducei» essenziali per la teologia del corpo (11 novembre 1981)
  2. Il Dio vivente, stringendo l'alleanza con gli uomini, rinnova continuamente la realtà stessa della vita (18 novembre 1981)
  3. La dottrina sulla Risurrezione e la formazione dell'antropologia teologica (2 dicembre 1981)
  4. La risurrezione realizzerà perfettamente la persona (9 dicembre 1981)
  5. Le parole di Cristo sulla risurrezione completano la rivelazione del corpo (16 dicembre 1981)
  6. Le parole di Cristo sul matrimonio, nuova soglia della verità integrale sull'uomo (13 gennaio 1982)
  7. L'interpretazione paolina della dottrina della risurrezione(27 gennaio 1982)
  8. La concezione paolina dell'umanità nell'interpretazione della risurrezione (3 febbraio 1982)
  9. La spiritualizzazione del corpo fonte della sua incorruttibilità (10 febbraio 1982)
inizio pagina

Quarto ciclo: La verginità cristiana

(10/3/1982-21/7/1982)

  1. L'idea della verginità o celibato come anticipo e segno escatologico (10 marzo 1982)
  2. La vocazione alla castità nella realtà della vita terrena (17 marzo 1982)
  3. Rapporto tra continenza «per il regno dei cieli» e fecondità soprannaturale dello spirito umano (24 marzo 1982)
  4. Reciproca illuminazione fra matrimonio e castità (31 marzo 1982)
  5. La «superiorità» della continenza non significa svalutazione del matrimonio (7 aprile 1982)
  6. Complementarietà per il regno dei cieli del matrimonio e della continenza (14 aprile 1982)
  7. Il celibato è rinuncia fatta per amore(21 aprile 1982)
  8. Continenza per il regno di Dio e significato sponsale del corpo (28 aprile 1982)
  9. La continenza «per il regno dei cieli» e l'ethos della vita coniugale e familiare (5 maggio 1982)
  10. L'interpretazione paolina della verginità e del matrimonio (23 giugno 1982)
  11. Esaltazione della verginità e preoccupazione per le cose del Signore (30 giugno 1982)
  12. L'azione della grazia di Dio in ogni uomo nella scelta tra verginità o matrimonio (7 luglio 1982)
  13. La «concessione» paolina di astinenza tra i coniugi nella dinamica spirituale della teologia del corpo (14 luglio 1982)
  14. Nel mistero della redenzione del corpo la speranza della vittoria sul peccato (21 luglio 1982)
inizio pagina

Quinto ciclo: Il matrimonio cristiano

Il sacramento del matrimonio nella dimensione dell'Alleanza, della Grazia e del Segno (28/7/1982-4/7/1984)

  1. Il matrimonio come sacramento secondo la lettera di Paolo agli Efesini (28 luglio 1982)
  2. Il mistero di Cristo nella Chiesa e la chiamata ad essere imitatori di Dio(4 agosto 1982)
  3. Cristo fonte e modello dei rapporti fra i coniugi (11 agosto 1982)
  4. Dalla lettera agli Efesini scaturisce una più profonda comprensione della Chiesa e del matrimonio (18 agosto 1982)
  5. La essenziale bi-soggettività nei rapporti Cristo-Chiesa e marito-moglie (25 agosto 1982)
  6. L'amore condiziona e costituisce l'unità morale dei coniugi (1 settembre 1982)
  7. Rapporto tra la sacramentalità della Chiesa e il sacramento più antico: il matrimonio (8 settembre 1982)
  8. Gli aspetti morali della vocazione dei cristiani (15 settembre 1982)
  9. Amore sponsale e alleanza nella tradizione dei profeti (22 settembre 1982)
  10. L'analogia dell'amore sponsale indica il carattere radicale della grazia (29 settembre 1982)
  11. Il matrimonio parte integrante del sacramento della creazione (6 ottobre 1982)
  12. La perdita del sacramento originale reintegrata con la redenzione del matrimonio-sacramento (13 ottobre 1982)
  13. Il matrimonio è parte integrante della nuova economia sacramentale (20 ottobre 1982)
  14. Indissolubilità del sacramento del matrimonio nel mistero della «redenzione del corpo» (27 ottobre 1982)
  15. Nel matrimonio all'uomo della concupiscenza è dato l'«ethos della redenzione del corpo» (24 novembre 1982)
  16. Il matrimonio-sacramento si compie nella prospettiva della speranza escatologica (1 dicembre 1982)
  17. Il matrimonio come sacramento chiarisce il significato sponsale e redentore dell'amore (15 dicembre 1982)
  18. Il linguaggio del corpo substrato e contenuto della vita coniugale (5 gennaio 1983)
  19. Il rapporto matrimoniale adombrato nell'alleanza fra Dio e Israele (12 gennaio 1983)
  20. Le parole del consenso coniugale segno del «profetismo del corpo» (19 gennaio 1983)
  21. Corretto uso del linguaggio del corpo, testimonianza di veri profeti(26 gennaio 1983)
  22. La concupiscenza non impedisce di rileggere il «linguaggio del corpo» (9 febbraio 1983)
  23. Il «linguaggio del corpo» secondo il cantico dei cantici (non pronunciato)
  24. Mascolinità e femminilità come linguaggio oggettivo del corpo (non pronunciato)
  25. Il dono reciproco e disinteressato nel matrimonio non può prescindere dal riscoprirsi immagine di Dio creatore (non pronunciato)
  26. La verità dell'amore impone di rileggere il «linguaggio del corpo» nella verità (non pronunciato)
  27. Nel cantico dei cantici l'eros umano svela il volto dell'amore sempre alla ricerca e mai appagato (non pronunciato)
  28. La stessa gelosia conferma la irreversibilità e la profondità soggettiva della scelta sponsale, secondo un amore «più forte della morte» (non pronunciato)
  29. Secondo il libro di Tobia, l'indole fraterna sembra essere radicata nell'amore sponsale (non pronunciato)
  30. Nel libro di Tobia, eros e ethos confermano reciprocamente la verità dell'amore sponsale che unisce «nella buona e nella cattiva sorte» (non pronunciato)
  31. La preghiera del libro di Tobia colloca il «linguaggio del corpo» sul terreno dei temi essenziali della teologia del corpo (non pronunciato)
  32. Il segno del matrimonio come sacramento si costruisce sulla base del «linguaggio del corpo» riletto nella verità dell'amore (non pronunciato)
  33. Viene ripreso del tema dell'amore umano nel piano divino (23 maggio 1984)
  34. Prosegue la catechesi sul segno sacramentale del matrimonio (30 maggio 1984)
  35. Conclusa la catechesi sull'amore secondo il Cantico dei cantici (6 giugno 1984)
  36. L'amore è fiducioso nella vittoria del bene (27 giugno 1984)
  37. Il «grande mistero» dell'amore sponsale (4 luglio 1984)
inizio pagina

Sesto ciclo: Amore e fecondità

Rilettura ed approfondimenti di "humanae vitae" e abbozzi di spiritualità familiare e coniugale alla luce dell'enciclica (11/7/1984-28/11/1984)

  1. Finalità unitiva e procreativa inscindibili nell'atto coniugale (11 luglio 1984)
  2. La norma dell'«Humanae Vitae» deriva dalla legge naturale (18 luglio 1984)
  3. L'«Humanae Vitae»: risposta alle domande dell'uomo d'oggi (25 luglio 1984)
  4. Paternità responsabile alla luce dell'«Humanae Vitae» (1 agosto 1984)
  5. Illiceità di aborto, contraccettivi e sterilizzazione diretta (8 agosto 1984)
  6. Riaffermata la dottrina sulla trasmissione della vita (22 agosto 1984)
  7. Regolazione delle nascite frutto della purezza degli sposi (29 agosto 1984)
  8. Il «metodo naturale» inseparabile dalla sfera etica (5 settembre 1984)
  9. Paternità responsabile elemento della spiritualità coniugale (3 ottobre 1984)
  10. Amore unito alla castità che si manifesta come continenza (10 ottobre 1984)
  11. La continenza protegge la dignità dell'atto coniugale (24 ottobre 1984)
  12. Continenza collegata con tutta la spiritualità coniugale (31 ottobre 1984)
  13. La continenza sviluppa la comunione dell'uomo e della donna (7 novembre 1984)
  14. Nella spiritualità cristiana l'onesta regolazione delle nascite (14 novembre 1984)
  15. Rispetto per l'opera di Dio fonte di spiritualità coniugale (21 novembre 1984)
  16. Risposte ad alcuni interrogativi sulla procreazione (28 novembre 1984)
inizio pagina

Approfondimenti

Catechesi di Giovanni Paolo II sulla coscienza morale (estate 1983)

  1. Libertà della persona e moralità dell'atto umano (20 luglio 1983)
  2. Il rapporto tra legge morale e libertà (27 luglio 1983)
  3. Lo Spirito Santo legge dell'uomo redento (3 agosto 1983)
  4. La libertà è una grazia ma anche un imperativo (10 agosto 1983)
  5. La coscienza morale è il luogo del dialogo di Dio con l'uomo (17 agosto 1983)
  6. La coscienza morale della persona cresce e matura nella Chiesa (24 agosto 1983)
  7. Cristo verità intera dell'uomo (31 agosto 1983)
inizio pagina